Professione e previdenza unite nella crescita

Professione & Previdenza Unite nella Crescita è l'informativa agli Associati nata nel dicembre 2009 come strumento di comunicazione e di aggiornamento sulle tematiche previdenziali di maggiore attualità e sui servizi di principale interesse per gli iscritti.

Tu sei qui

Budget 2022: approvato dall’Assemblea dei Delegati

Stampa

Crescono le riserve patrimoniali della Cassa che, nel corso del prossimo anno, supereranno i 10,3 miliardi di euro, a fronte di un avanzo corrente di oltre 461 milioni di euro, secondo le previsioni riportate nella prima revisione del budget 2022 approvato dall’Assemblea dei Delegati lo scorso 30 novembre.

Il tasso previsto di copertura dei trattamenti pensionistici correnti è pari a 29 annualità, mentre migliorano le stime di crescita del numero degli iscritti. A fine 2022, infatti, i Dottori Commercialisti associati alla Cassa saranno 73.697, 5.323 dei quali pensionati attivi, con un incremento del 2% rispetto alla previsione aggiornata a fine 2021 e del 4,4% rispetto agli iscritti registrati nel 2020, con un rapporto “iscritti/pensionati” atteso pari a 6,7 volte.

La contribuzione complessiva attesa, in prevalenza riferita ai contributi soggettivi e a quelli integrativi, è di 826 milioni di euro, mentre ammontano a 130 milioni e 474 mila euro i ricavi previsti derivanti dalla gestione del patrimonio.

Con 920 nuovi trattamenti pensionistici avviati nel corso del 2022, il totale dei pensionati di Cassa Dottori Commercialisti si attesterà su poco più di 11mila professionisti, con una previsione di costo complessiva di oltre 356 milioni di euro e un incremento del 6,7% rispetto al budget 2021.

Trenta saranno invece i milioni di euro che verranno destinati nel corso del 2022 all’assistenza a favore degli iscritti e dei loro familiari, ai quali si aggiungono 7 milioni e 300mila euro per le indennità di maternità.

Sul piano finanziario, infine, si prevedono nuovi investimenti per complessivi 1 miliardo e 60 milioni di euro, che per il 68% riguarderanno investimenti alternativi illiquidi nei mercati privati, per il 26% il mercato azionario e per il restante 6% quello obbligazionario.

Consulta il budget 2022