CNPADC News

Professione e previdenza unite nella crescita

Professione & Previdenza Unite nella Crescita è l'informativa agli Associati nata nel dicembre 2009 come strumento di comunicazione e di aggiornamento sulle tematiche previdenziali di maggiore attualità e sui servizi di principale interesse per gli iscritti.

Tu sei qui

Sempre più donne si avvicinano alla professione

Stampa

Quest'anno la più giovane iscritta ha meno di 25 anni ed è una donna. Questo la dice lunga sugli scostamenti demografici  di genere che la categoria dovrà affrontare in prospettiva.

La tendenza, ben descritta dalle osservazioni dell’ultimo quinquennio, è quella di una categoria che si colora di rosa e che ha riscontrato un incremento delle Professioniste per una percentuale quasi doppia (17,5% contro 8,9%) di quella dei colleghi Dottori.

In particolare, se guardiamo alle fasce di età più giovani i dati parlano di sorpasso delle Dottoresse sui colleghi maschi tra gli under 30, sulla chiara spinta delle neo-iscritte. Il rapporto maschi/femmine si tiene costantemente sotto l’unità con un indicatore che passa da 1 nel 2013 a 0,95 nel 2017.

Tale effetto si riverbera anche sulla fasce successive, con la quasi parità nella rappresentatività di genere anche all’interno della fascia fino a 40 anni (1,29 nel 2017). Nel complesso il trend è ben delineato con il passaggio in 5 anni da 2,3 a 2,1 Dottori per ogni Dottoressa iscritta alla Cassa.



D’altronde continua a crescere la percentuale di donne iscritte sul totale delle iscrizioni per fasce di età. Sebbene oggi tra “pensionandi” e pensionati attivi vi è ancora una netta prevalenza maschile la percentuale delle Dottoresse è sempre costantemente crescente: la variazione nelle fasce oscilla all’incirca tra i 2 e i 4 punti percentuali nel periodo esaminato.



Il “peso” sempre crescente delle donne all’interno della Categoria ha spinto ad analizzare meglio le condizioni reali che le Dottoresse devono affrontare tra lavoro, maternità e famiglia. Per questo di recente la Cassa, optando per un welfare più a misura di professionista, ha tenuto ampiamente conto, con i nuovi istituti a sostegno della maternità, dei cambiamenti demografici.

Vi è comunque la maturata consapevolezza che l’approccio “assistenziale” è di per sé limitante e non ne tutela in modo equo la carriera e la permanenza in attività, a parità di percorsi di studio con i colleghi uomini.