CNPADC News

Professione e previdenza unite nella crescita

Professione & Previdenza Unite nella Crescita è l'informativa agli Associati nata nel dicembre 2009 come strumento di comunicazione e di aggiornamento sulle tematiche previdenziali di maggiore attualità e sui servizi di principale interesse per gli iscritti.

Tu sei qui

Forum in previdenza 2017

Stampa

In un Paese in cui i redditi medi dei lavoratori, il saldo demografico, la spesa per investimenti e la variazione del PIL sono drammaticamente stagnanti se non in calo, mentre le pensioni e la spesa complessiva per il welfare continuano inesorabilmente a crescere per effetto di miopi misure assistenziali espansive e di interventi correttivi della spesa pensionistica poco incisivi, e chi gode di “rendite di posizione” non appare disposto a sacrifici per la tenuta del sistema,

quali sono le prospettive per le giovani generazioni?

Non è più possibile rinviare l’adozione di misure finalizzate al rilancio del sistema economico e alla sostenibilità del sistema previdenziale del Paese. Misure che vengono da tutti ritenute sempre più necessarie ma che non devono essere scaricate esclusivamente sulle giovani generazioni, che non possono far sentire la propria voce.

Le Casse di previdenza professionali stanno da tempo affrontando il delicato tema della tenuta dei conti e del confronto generazionale e la loro esperienza dimostra che, con il giusto coinvolgimento, è possibile far accettare importanti sacrifici agli iscritti e ai pensionati.

E’ un modello a cui il “Sistema Paese” può guardare per evitare l'iceberg che ha di fronte?

La giornata, condotta dal giornalista Franco Di Mare, avrà come protagonisti - oltre al Presidente CNPADC Walter Anedda - il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, Luigi Di Maio, Vice Presidente Camera dei Deputati, gli Onorevoli Pier Paolo Baretta, Sottosegretario Ministero Economia e Finanze e Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo, il Senatore Andrea Mandelli, Vice Presidente Commissione Bilancio, il Presidente INPS Tito Boeri, Domenico De Masi, Professore di Sociologia del lavoro – Università “La Sapienza” di Roma e Tobias Piller, Corrispondente economico Frankfurter Allgemeine Zeitung.